Marina ed Odie in viaggio con il loro piccolo Furgone

 

Viaggiare è bellissimo e farlo con gli animali penso sia fantastico. 

Purtroppo troppi mezzi di trasporto non accettano gli animali ( bus, treni e certe compagnie aeree ), per non parlare delle difficoltà che si incontrano nel trovare case ed hotel adeguati.

Per questo motivo Marina Piro, una giovane inglese di origini italiane, ha deciso di armarsi di tanta pazienza, buona volontà e attrezzi vari e di ripristinare da sola un vecchio Renault Kangoo cinque porte del 2001.

Per queale motivo ha fatto tutto questo??

“La ragione principale per cui ho scelto di andare in viaggio con un furgone è che ho voluto avere Odie con me. Un furgone sembrava l’opzione più praticabile.”

Dopo mesi di lavoro e pochissimi soldi investiti, è venuta fuori una vera e propria casa mobile dotata di tutto quello che serve per poter vivere. Nonostante lo spazio limitato, Marina è riuscita a rendere il furgone accogliente e completo.

Ha pensato proprio a tutto: letto, tende, angolo cottura, luci a LED e perfino alcune piante d’appartamento.

Sul suo Blog dal nome Pamthevan  Marina , oltre a raccontare la preparazione del piccolo furgone, si diverte a postare fotografie che documentano le sue avventure insieme al suo inseparabile amico a quattrozampe  dal nome Odie, un bellissimo Labradoodle, razza nata dall’incrocio tra Labrador Retriever e Barbone standard.

In comune hanno la passione per il viaggio, amano conoscere posti nuovi e sentirsi liberi. Marina non ha dubbi: il suo cane è “il migliore compagno di viaggio che avrebbe mai potuto chiedere”.

e ricordatevi …..

“Non si cura di chiedersi se abbiate torto o ragione; non gli interessa se abbiate fortuna o no, se siete ricco o povero, istruito o ignorante, santo o peccatore. Siete il suo compagno e ciò gli basta. Egli sarà accanto a voi per confortarvi, proteggervi e dare, se occorre, per voi, la sua vita. Egli vi sarà fedele nella fortuna come nella miseria. E’ il cane!”

(J.K. Jerome)

 

Fabio Ulderici – GoUlde Wanderlust

 

Share This!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *